Suore Missionarie di Gesł Redentore
Chi siamo Le opere apostoliche Dove siamo Collabora con noi News La formazione



La vita comunitaria

La vita comunitaria

Gesù Crocifisso e Risorto ci chiama alla sua sequela intessendo con noi una relazione sponsale in forza della consacrazione a LUI!

Con questo amore ci conduce, con la sua Grazia, a convivere tra noi consorelle in modo fraterno nella vita comunitaria.

Nel contempo ci chiama a sviluppare relazioni materne verso le ragazze che ci affida, perché insieme con LUI, le affianchiamo in ogni momento nel cammino di crescita umana, affettiva, cristiana e sociale.

Così in LUI siamo, stiamo, conviviamo, ci muoviamo sia all’interno della piccola comunità religiosa, sia nell’apostolato che si manifesta nella Chiesa progressivamente attraverso i segni dei tempi.

In LUI e con LUI preghiamo, adoriamo giorno e notte il Padre rappresentando in ogni momento l’umanità tutta nei suoi bisogni umani, materiali, spirituali e sociali.

Con la Grazia di Dio ognuna di noi diviene tabernacolo che loda e che adora. Così Gesù, l’Inviato dal Padre, in noi, ogni giorno permette che la nostra vita divenga offerta e lode alla Trinità Santissima per la salvezza e la santificazione della Chiesa universale e dell’intera umanità.

Dalla Comunità orante e laboriosa ogni sorella, “così abitata, parte - inviata dalla Comunità stessa - nel nome di Gesù Crocifisso e Risorto, in missione, dove l’ubbidienza e il servizio la chiamano.

Al rientro dalla missione, ognuna di noi condivide preoccupazioni, ansie, gioie e dolori che durante l’apostolato ha già condiviso con i fratelli che ha incontrati.




 

I modelli e i fondamenti della vita comunitaria

Per noi Suore Missionarie di Gesù Redentore la vita trinitaria è  vivo modello, ispiratore e fondamento della nostra vita di comunione. Il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo sono soggetto di continua meditazione e  contemplazione, perché sorgente della nostra vocazione.

Quando lo Spirito di Dio ci ha chiamate in questa Comunità, ci ha donato quella sintonia spirituale che ci ha permesso e ci permette ogni giorno di vivere insieme nella medesima Grazia carismatica.

Questo significa che il nostro modello di vita comunitaria è la comunità dei primi cristiani, i quali avevano un cuor solo e un'anima sola e rendevano testimonianza della Risurrezione del Signore Gesù.

Noi suore intendiamo essere “un cuore solo e un’anima sola…” (At 4, 32) pregando unite allo Spirito del Cristo Risorto che, nell’Eucarestia, si offre al Padre per la riconciliazione di tutta l’umanità. Così, la diversità e la molteplicità dei doni personali divengono ricchezza vicendevole nella carità di Cristo che ci rende fratelli e sorelle.

L'ineffabile unione in Cristo e con Cristo non soltanto fonda la nostra vita comunitaria e personale ma orienta in modo specifico la nostra consacrazione, nella preghiera, nell’adorazione e nel lavoro, mediante l'offerta a Dio nell'osservanza dei voti di castità, povertà e obbedienza.

 

^ sopra



 

La preghiera comunitaria

Per noi è importante coltivare con assiduità la preghiera personale e comunitaria, meditando in primo luogo la Sacra Scrittura e le fonti della spiritualità cristiana. La preghiera è, per questo, un momento irrinunciabile della vita quotidiana, il tempo in cui il Signore ci evangelizza, affinché anche noi possiamo essere testimoni della sua Parola. Nella nostra vita di preghiera però nulla avrebbe senso se la celebrazione eucaristica quotidiana non fosse il fulcro dei nostri pensieri e ispirazione delle nostre azioni. Perciò la celebrazione dell’Eucaristia inizia attraverso la partecipazione attiva con il sacerdote; l’aspetto partecipativo dei fedeli è particolarmente curato con i canti e l’ascolto meditato della Parola, perché Gesù entrando in noi trasformi e divinizzi sempre più la nostra umanità, così da mostrare a tutti coloro che incontriamo la presenza del volto di Gesù Crocifisso e Risorto lungo tutta la giornata.

 

Come una persona che incontriamo dovrebbe vedere in noi il volto di Gesù Crocifisso e Risorto?

Attraverso gesti concreti di accoglienza del fratello e della sorella, cercando a nostra volta di vedere in loro quello stesso volto che ci chiede di essere mediatrici della sua bontà, del suo amore tradotto in atti di carità.

Inoltre la celebrazione eucaristica si esprime nel nostro cammino nel personale e comunitario prolungamento dell’azione eucaristica che è l’ADORAZIONE di Gesù nel Santissimo Sacramento giorno e notte. Infatti l’Adorazione Eucaristica quotidiana è segno distintivo della nostra spiritualità perché favorisce la familiarità e l’intimità con Dio da un lato e, dando lode alla Trinità Santissima, ci permette non solo di incontrare l’umanità intera, ma di adorare, lodare e presentare al Padre ogni bisogno di ogni creatura in cammino verso la Comunione dei Santi.

Ogni giorno (almeno un’ora) noi Suore Missionarie di Gesù Redentore viviamo un tempo di Adorazione Eucaristica personale del Signore per lodarlo e adorarlo a nome di tutta l’umanità. L’Adorazione Eucaristica è viva anche la notte, almeno nelle ricorrenze solenni dell’Anno Liturgico.

Due sere alla settimana ogni comunità delle Suore Missionarie di Gesù Redentore sta in Adorazione comunitaria perché si realizzi innanzitutto:… “E li chiamò perché stessero con LUI…”

E’ nostro impegno quotidiano lodare il Signore anche attraverso la Liturgia delle Ore in tutte le sue parti: ufficio delle letture, ora media e compieta pregate personalmente, mentre  lodi e vespri comunitariamente. Siamo consapevoli, per fede, che attraverso tale liturgia non siamo sole a pregare ma noi, nell’economia della comunione dei Santi, ci sentiamo in preghiera comunionale con tutta la Chiesa.

 

Diamo inoltre particolare rilievo alle solennità che riguardano il mistero di redenzione e alle feste della Vergine Maria, che onoriamo il sabato e con la pratica quotidiana del rosario e dell’angelus ma in modo particolare nel giorno dell’Annunciazione.

 

^ sopra



 

Silenzio e condivisione

Nella nostra vita quotidiana cerchiamo, secondo le possibilità, di favorire personalmente l’unione con Dio, ricercando soprattutto all’interno del nostro essere un silenzio attraverso il quale comunichiamo i nostri pensieri a LUI attraverso “telefonate spirituali e amorose” che sono le invocazioni spontanee a tu per tu. Appena ci è possibile ci impegniamo ad amare questo silenzio e a ricercarlo in Comunità quando ritorniamo dal lavoro apostolico, esprimendo uno stile di vita abitualmente raccolto. Ci riserviamo momenti di condivisione durante i pasti o attraverso momenti che noi chiamiamo di rilassamento dalle occupazioni che impegnano soprattutto il nostro mondo emotivo.

 

^ sopra



 

Orari di preghiera comunitaria

La  nostra preghiera comunitaria e il nostro stile di vita sono ispirati a Gesù che riconcilia e dona pace, traducendosi concretamente nella condivisione della vita degli ultimi e dei più abbandonati. Per questa ragione intendiamo adottare le forme di apostolato più adatte alla condizione dei nostri tempi: oggi rispondiamo alla missione della Chiesa di servire coloro che soffrono di inserimento sociale a motivo di uno specifico disagio psicoaffettivo. (opere apostoliche)


Quotidiana…Settimanale…Mensile…


h. 7.00 Primo turno di preghiera comunitaria del mattino e lodi
h. 7.50 Celebrazione eucaristica
h. 8.30 Secondo turno di preghiera comunitaria del mattino e lodi
h.17.00 Primo turno di preghiera comunitaria del vespero e del rosario
h.18.00 Secondo turno di preghiera comunitaria del vespero e del rosario
Giovedì
h. 17.00
h.21.30
Adorazione eucaristica comunitaria
Sabato
h. 18.30
Adorazione eucaristica comunitaria
Terzo
sabato
e domenica
del mese
Ritiro comunitario
Venerdì
h. 9.15
– 10.00
Catechesi

 

^ sopra



 




Suore Missionarie Di Gesù Redentore - via Ippocrate 22, 20161 Milano - tel. 02 6464595 - fax 02 66201971 - email: info@suoremdgr.org